The Mountain Refuge

Questo articolo è stato aggiornato il

E se vi chiedessi di rifugiarvi qui, in una piccola casa minimale e modulare lontani da tutto? Si chiama “The Mountain Refuge” e nasce dal desiderio di due giovani architetti, Massimo Gnocchi e Paolo Danesi, di unire design e sostenibilità.

L’abitazione, se da una parte ricorda i classici rifugi di montagna, dall’altra vuole trovare un’intensa connessione con la natura grazie alla presenza di opere di fondazione non invasive.
La Tiny House, ideata grazie ad un concorso nella zona di Carpineto Romano, è stata concepita, infatti, per essere composta da moduli in legno assolutamente personalizzabili nelle dimensioni.

the-mountain-refuge

Dal momento che si tratta di una struttura prefabbricata, il suo trasporto viene effettuato a mezzo di un elicottero, in grado di posizionare il The Mountain Refuge a ridosso di un lago, in montagna oppure su un’ampia collina.

Scarica l'E-book GIOIELLO&DESIGN

“E’ un rifugio per la mente.
Non vuole essere solo un oggetto di design ne un puro sistema tecnologico” Arch. Gnocchi e Danesi
La superficie minima è di 25 mq ed è immaginato come un open space.

the-mountain-refuge

Include un angolo cottura, un piccolo living con un elegante camino sospeso e una camera con bagno e doccia nascosta. La suggestiva vetrata a tutta altezza.
Di circa 3,20 x 4,10 metri, alimenta la forte connessione con l’esterno, dando vita ad un quadro naturale da ammirare costantemente. Le finiture, come anche alcuni arredi interni, sono di plywood di pino.

the-mountain-refuge

Nella parte esterna, il materiale è stato trattato con la catramina che ne assicura la giusta condizione di impermeabilità. Riscaldamento, acqua ed elettricità sono calibrati a seconda del luogo e della disponibilità in loco.

“Pensiamo che ci possa essere il giusto equilibrio utilizzando in parte ciò che la tecnologia ci mette a disposizione” Arch. Gnocchi e Danesi

the-mountain-refuge

E’ possibile, infatti, raccogliere acqua piovana, filtrarla e distribuirla nell’abitazione oppure utilizzare sistemi fotovoltaici per scaldare l’acqua e sfruttare l’elettricità. L’obiettivo degli architetti, fondatori di una nuova start-up, è riprodurre la Tiny House in molti paesi del mondo a costi competitivi. Uno dei prezzi di partenza per la composizione basica è di circa 40.000-50.000 euro, escludendo i costi di allaccio e gli arredi personalizzati.

the-mountain-refuge

Foto: THE MOUNTAIN REFUGE

Scopri la collezione di Carte da Parati FYHWL

Se ami design e natura non perderti:

Eleonora Bosco
Eleonora Bosco
Dopo la laurea in Architettura al Politecnico di Torino mi trasferisco nella metropoli romana dove inizio a collaborare con differenti realtà che fanno capo alla mia unica grande passione: l’interior design. Amo tutto ciò che è insolito, colorato, molto colorato e fuori dagli schemi. Ad oggi collaboro con alcune testate giornalistiche di settore e come web editor freelance nel campo dell’arredo.

Cucina di montagna, tra legno ed acciaio

Progettare la cucina di montagna ideale non è poi così semplice e banale. Iniziamo dalla scelta del materiale: il legno, in ogni suo colore e sfumatura. Per me la cucina di montagna è rigorosamente in legno. Deve essere un legno venato, che metta in risalto le sue sfumature. Non mi dispiacerebbe nemmeno utilizzare assi naturali, trattati ad hoc per l'occasione.

Assogemme: Associazione italiane pietre preziose

Assogemme rappresenta le aziende che abbracciano la filiera di produzione della gioielleria italiana composta dai principali operatori nell’ambito delle pietre preziose...