Il ristorante Ayul per vivere la magia del Kazakhstan in una location speciale

Bentornati sul Design Magazine Fill Your Home With Love.

Oggi vi portiamo in Kazakhstan a scoprire un ristorante di design.

In particolare ci troviamo nel cuore del distretto montano di Medeu.

Qui Auyl non è semplicemente un ristorante, ma un progetto sperimentale, un palcoscenico dove la gastronomia diventa performance artistica.

Al suo interno, ogni dettaglio, ogni scelta, nasce dalla visione condivisa di professionisti provenienti da mondi apparentemente distanti: architetti, artisti, designer, artigiani e produttori creativi. Questo sodalizio creativo ha dato vita a un’esperienza culinaria senza precedenti, destinata a risvegliare tutti e cinque i sensi.

ristorante design
Il paesaggio incantato in cui è immerso il ristorante Ayul. (Foto Damir Otegen, Yulo Khan, Zarina Zoman, Sergey Kuchin – Archdaily)

Ristorante Ayul: L’Arte di Creare Spazi

L’idea di Auyl nasce dalla fusione di due studi famosi: NAAW, fondato da Elvira Bakubayeva e Aisulu Uali, e DUNIE, guidato da Assel Nusipkozhanova. La loro ambizione? Creare non solo un ambiente, ma un’emozione.

Nel concepire l’architettura degli interni, NAAW ha dovuto affrontare una sfida di notevole importanza. Ovvero rendere ogni angolo spazioso e imponente, capace di impressionare i visitatori fin dal primo passo all’interno.

ristorante design
Le cupole sopra la zona cottura. (Foto Damir Otegen, Yulo Khan, Zarina Zoman, Sergey Kuchin – Archdaily)

La risposta a questa sfida è stata la decisione di adottare una cucina a vista. Questa scelta permette di trasformare la cucina in un vero e proprio palcoscenico dove gli chef diventano protagonisti di uno spettacolo in tempo reale.

Così gli ospiti, a seconda della loro posizione, possono osservare ogni movimento, ogni gesto in cucina.

Inoltre, il design dello spazio si ispira all’architettura nomade. Ci sono cupole sopra la zona cottura che ricordano le ciotole nomadi. La luce soffusa crea un’atmosfera teatrale. Avvolge gli ospiti in un’atmosfera di attesa e mistero.

Una Danza di Sensi

Ma l’esperienza di Auyl non si limita alla vista. Ogni dettaglio, dal rumore delle foglie mosse dal vento al cinguettio degli uccelli, contribuisce a immergere gli ospiti in un ambiente che ricorda la vastità della steppa. Gli chef, al centro dell’attenzione, si muovono con maestria. Tra impasti di pasta fresca, sfornate di kumys e focacce cotte in tradizionali forni tandoor, mentre la carne griglia e sizzla.

arredamento locali
Dettagli dell’arredo del ristorante. (Foto Damir Otegen, Yulo Khan, Zarina Zoman, Sergey Kuchin – Archdaily)

Con queste scelte, Auyl non offre solo un pasto, ma un viaggio. Tutto è fatto per far sentire gli ospiti in un altro mondo, coinvolgendoli in uno spettacolo culinario dell’Asia centrale.

Un ristorante pensato per condividere una storia

Ma più di tutto, quello che Auyl vuole offrire è una storia. Una storia di passione, di creatività, di un amore profondo per la cultura e la tradizione. Una storia che non si limita a essere raccontata, ma che viene vissuta, assaporata e condivisa.

arredamento locali
Alcune creazioni tipiche della cultura del Kazakhstan. (Foto Damir Otegen, Yulo Khan, Zarina Zoman, Sergey Kuchin – Archdaily)

Al termine di questa esperienza multisensoriale, quello che resta non è solo il ricordo di un pasto squisito. Ma il senso di avere condiviso un momento unico, in cui arte, cultura e gastronomia si fondono in un unico, indimenticabile spettacolo.

Tradizione e Innovazione: Il Menù di Auyl

Dietro l’estetica avvolgente e l’architettura impressionante, la vera essenza di Auyl risiede nel suo menù. Qui, riscoprendo e reinterpretando i sapori dell’Asia centrale, gli chef di Auyl si dedicano a un equilibrio tra tradizione e innovazione.

Infatti, la filosofia culinaria del ristorante è incentrata sulla rivisitazione di piatti tradizionali in chiave contemporanea, mantenendo l’essenza e l’anima delle ricette originarie.

sala da pranzo
La sala da pranzo. (Foto Damir Otegen, Yulo Khan, Zarina Zoman, Sergey Kuchin – Archdaily)

Le materie prime, selezionate con cura, provengono direttamente dalle fertili terre dell’Asia centrale, assicurando freschezza e autenticità ad ogni piatto. Il risultato? Creazioni gastronomiche che sorprendono per la loro capacità di raccontare storie antiche attraverso sapori nuovi e audaci.

Il Legame con la Natura

Il rapporto intimo con la natura di Auyl non si limita ai suoni e alle immagini. Infatti ogni piatto è un omaggio alle ricchezze della terra: dai profumi delle erbe di montagna ai gusti intensi e terrosi delle carni grigliate.

Si capisce bene La cucina di Auyl celebra il ciclo della natura, rispecchiando il ritmo delle stagioni e il mutare delle tradizioni.

ristorante
Il bancone di Ayul. (Foto Damir Otegen, Yulo Khan, Zarina Zoman, Sergey Kuchin – Archdaily)

Infine, una menzione speciale va alla selezione di bevande. L’acqua di montagna fresca e pura, gli infusi di erbe selvatiche e i tradizionali distillati locali completano l’esperienza. Il tutto pensato per creare un legame profondo tra il cibo, la bevanda e l’ambiente circostante.

ristorante tipico
La magica atmosfera del locale. (Foto Damir Otegen, Yulo Khan, Zarina Zoman, Sergey Kuchin – Archdaily)

Se siete appassionati di arredamento e design venite a trovarci sul nostro Magazine. Vi aspettano tanti articoli interessanti. Ecco qualche link: