Pavimenti in PVC d’arredo: versatili, funzionali e very cool

Pavimenti in PVC, scopriamo insieme i pro e contro

Fino a qualche anno fa i pavimenti in PVC erano perlopiù destinati ad ambienti professionali.

Le aziende specializzate puntavano esclusivamente su un design settoriale rivolto ai luoghi in cui la resistenza conta più dell’estetica: palestre, studi medici, ambulatori, scuole, magazzini.

Recentemente la tendenza è cambiata.
Ai classici pavimenti “tecnici”, ad alte prestazioni ma poco curati nel design, il settore ha accostato pavimenti ad elevata valenza estetica.

Sono noti come pavimenti in PVC d’arredo o pavimenti in LVT, acronimo di Luxury Vinyl Tiles, proprio a sottolineare la differenza del nuovo prodotto rispetto al fratello maggiore in PVC eterogeneo.

pavimenti in pvc per la casa

Pavimenti in PVC e pavimenti in LVT: quali differenze?

Anche se già presenti e avviati nel settore del design d’interni abitativo, i pavimenti vinilici in LVT sono ancora poco noti.

Un aspetto appare già molto chiaro: accuratezza del design e varietà di scelta rendono questi pavimenti vinilici perfetti per creare superfici d’arredo trendy e originali.
I componenti delle due tipologie sono simili, ciò che cambia è la lavorazione della materia prima.

I pavimenti vinilici LVT si contraddistinguono per:

  • decori ad alta definizione,
  • effetti decapati, metallizzati, superfici a registro,
  • goffrature,
  • colori e dettagli curati nei minimi particolari per conferire la massima veridicità e somiglianza alle superfici “imitate”, essenzialmente parquet in legno.

La centralità dell’aspetto estetico rende i pavimenti in PVC di tipologia Luxury particolarmente adatti al design d’interni, anche in virtù del basso spessore (tra i 2 e i 5 mm.).

Scarica la guida - Illuminazione 2019

Questa caratteristica li rende perfetti per creare superfici minimal e leggere (anche sovrapponibili a pavimenti preesistenti) per ambienti moderni e fluidi open-space.

pavimenti in pvc per la casa

Come si posa il pavimento in PVC?

In base alla tecnica di posa, possiamo distinguere quattro tipologie di pavimenti in PVC: autoadesivi (i più economici), posa con colla specifica (i più diffusi tra i “tecnici”), posa libera e posa flottante con incastro a clic.

Quest’ultimi, sempre più utilizzati nel settore dei pavimenti vinili decorativi, sono anche detti pavimenti flottanti. 

Li differenzia la loro caratteristica di non essere fissati o incollati, ma solo “appoggiati” con incastro clic ad un vecchio pavimento, o anche come prima posa di un pavimento originale.
Come i pavimenti flottanti in laminato, anche i pavimenti flottanti in PVC (o LVT) riproducono l’estetica del pavimento in legno ma, rispetto a quest’ultimo, sono idrorepellenti e adatti pertanto a rivestire efficacemente anche le superfici del bagno e della cucina.

pavimenti in pvc per la casa

Foto: Iperceramica

Margherita Succi
Margherita Succihttps://fillyourhomewithlove.com
Mi presento. Sono Margherita Succi, ho 33 anni e sono l'anima pulsante di Fillyourhomewithlove. Sono laureata e specializzata in Marketing e Management internazionale con una forte passione per tutto ciò che gira intorno al design. Ecco perché amo raccontarvelo ogni singolo giorno.


Abiti per bambini e adulti

Karman: essere, stupire, creare

Buongiorno e bentornati sul blog di arredamento e interior design Fillyourhomewithlove.Finalmente è giunto il momento di raccontarvi la mia esperienza presso...

Specchio per bagno doppio: 10 idee di stampo minimalista

Specchio per bagno doppio: ecco dieci esempi a cui ispirarsi Buongiorno, come state? Oggi sul mio blog di arredamento e interior design Fillyourhomewithlove parliamo della zona bagno...