Miscelatore cucina: un necessario alleato in cucina

Bentornati sul Design Magazine Fill Your Home With Love.

I miscelatori da cucina sono uno degli elementi fondamentali di qualsiasi cucina moderna.

Oltre a essere funzionali, possono contribuire in maniera significativa all’estetica dello spazio.

rubinetto
Omnires – Foto Archiproducts

Ne esistono diversi tipi, ciascuno con caratteristiche uniche che rispondono a esigenze specifiche. Impostare la temperatura ideale dell’acqua è cruciale non solo per il comfort ma anche per il risparmio energetico. La capacità di mantenere costantemente la temperatura desiderata può variare a seconda del tipo di miscelatore scelto. Questo è molto importante per evitare sbalzi di temperatura che possono essere fastidiosi e causare mal di testa, soprattutto quando si alterna acqua calda e fredda.

Temperatura Ideale e Funzionalità

La maggior parte dei miscelatori moderni permette di impostare la temperatura interna in modo preciso, riducendo il rischio di avere acqua troppo calda o troppo fredda. Quando la temperatura dell’acqua è troppo bassa, può essere difficile svolgere alcune attività, mentre una temperatura troppo elevata può essere pericolosa e causare scottature. Inoltre, il controllo della temperatura può risentire di sbalzi di temperatura repentini di mezzo grado, causando disagi ogni volta che si utilizza il lavandino.

Miscelatori Monocomando

I modelli monocomando sono uno dei più comuni e apprezzati. Questi tipi di miscelatori permettono di controllare sia la temperatura che il flusso dell’acqua con un’unica leva.

miscelatore cucina
Geda – Foto Archiproducts

Vantaggi:

  • Facilità d’uso: Con un solo gesto si può regolare sia la temperatura che la quantità d’acqua.
  • Design pulito: La presenza di una sola leva dona un aspetto minimalista e moderno alla cucina.
  • Risparmio d’acqua: La regolazione precisa della temperatura permette di evitare sprechi.

Svantaggi:

  • Sensibilità: Può essere difficile trovare la temperatura giusta con precisione, specialmente con le mani bagnate o saponate.

Miscelatore Cucina a Due Maniglie

I miscelatori a due maniglie, noti anche come miscelatori bicomando, hanno due leve separate per l’acqua calda e fredda.

Vantaggi:

  • Controllo preciso: Permettono di regolare con precisione la temperatura dell’acqua.
  • Stile tradizionale: Sono ideali per cucine dal design classico o vintage.

Svantaggi:

  • Uso meno pratico: Richiedono due mani per regolare la temperatura, il che può essere scomodo durante la preparazione del cibo.
  • Installazione più complessa: Richiedono due fori nel lavello o nel piano di lavoro, complicando l’installazione.

Miscelatori Estraibili

I miscelatori estraibili sono dotati di un tubo flessibile che può essere estratto dal corpo principale del miscelatore. In questo modo si facilita il lavaggio di pentole grandi o di zone difficili da raggiungere del lavello.

Vantaggi:

  • Versatilità: Ideali per lavelli grandi e per lavare oggetti voluminosi.
  • Pulizia facilitata: Consentono di dirigere il getto d’acqua esattamente dove serve.
rubinetto estraibile
Quadrodesign – Foto Archiproducts

Svantaggi:

  • Usura del tubo: L’uso frequente può causare l’usura del tubo flessibile.
  • Prezzo più elevato: Solitamente sono più costosi rispetto ai miscelatori tradizionali.

Miscelatore Cucina a Molla

I miscelatori a molla sono caratterizzati da un design professionale, spesso utilizzati nelle cucine dei ristoranti. Presentano una molla esterna che sostiene un tubo flessibile e un getto potente.

miscelatore a molla
Grohe – Foto Archiproducts

Vantaggi:

  • Design professionale: Offrono un aspetto professionale e sofisticato.
  • Potenza del getto: Sono ideali per lavaggi intensivi e per rimuovere sporco ostinato.

Svantaggi:

  • Ingombro: Possono risultare ingombranti per cucine piccole.
  • Costo: Generalmente, il prezzo è elevato.

Miscelatore Cucina a Sensore

I miscelatori a sensore sono dotati di tecnologia touchless che permette di avviare il flusso d’acqua con un semplice movimento della mano.

Vantaggi:

  • Igiene: Ideali per evitare la contaminazione incrociata, soprattutto quando si maneggiano alimenti crudi.
  • Risparmio d’acqua: Si chiudono automaticamente quando non rilevano movimento, evitando sprechi.

Svantaggi:

  • Batterie: Necessitano di batterie o di un’alimentazione elettrica.
  • Costo iniziale: Generalmente sono più costosi rispetto ai miscelatori tradizionali.
miscelatore cucina
Grohe – Foto Archiproducts

Rendi la tua cucina un luogo funzionale

La scelta del miscelatore da cucina dipende da vari fattori, tra cui lo stile della cucina, le esigenze funzionali e il budget. Monocomando, bicomando, estraibili, a molla e a sensore sono solo alcune delle opzioni disponibili sul mercato, ognuna con i propri pregi e difetti. Valutare attentamente le proprie esigenze e le caratteristiche di ogni tipo di miscelatore può aiutare a fare una scelta informata e adatta alle proprie necessità.

Per altri consigli utili sull’arredo della cucina ecco qualche articolo interessante dal nostro Magazine:

  1. LE DIVERSE TIPOLOGIE DI LAVANDINO DA CUCINA
  2. OTTIMIZZARE LO SPAZIO IN UNA CUCINA PICCOLA
  3. COME INTEGRARE GLI SGABELLI DA CUCINA NEL CUORE DELLA TUA CASA