LocHal in Olanda vince il premio World Building of the year 2019

Questo articolo è stato aggiornato il

Molti di voi sicuramente sanno bene cosa significa l’acronimo WAF (World Architecture Festival).
Si tratta della manifestazione più importante e più ambita per progetti di immobili innovativi e ricchi di genio ingegneristico ed estetico.

Partecipano figure professionali da tutto il mondo e ogni anno i più famosi architetti (e relativi studi) tengono il fiato sospeso per sapere quale sarà l’edificio migliore riconosciuto a livello globale.
Quest’anno il premio va a LocHal, a Tilburg nei Paesi Bassi.

LocHal vince l’edizione 2019

L’edizione 2019 si è svolta in dicembre ad Amsterdam e ha visto vincitrice LocHal, una biblioteca di Tilburg, Olanda.

Ho deciso di dedicare spazio nella categoria arte e design perché trattasi di un vero capolavoro, da molti punti di vista.
Un vecchio hangar ferroviario del 1932 è diventato un luogo di condivisione e di socializzazione che ha saputo mantenere elementi ben chiari riguardo alle sue origini e a farne punto di forza.
Il tutto accanto a sprazzi di colore squillanti e inaspettati che vibrano tra copertine di libri, spazi di co-working e naturalmente mostre d’arte.
In un centro senso sembra proprio la realizzazione concreta di una metafora: un edificio dedicato alle locomotive che diventa esso stesso elemento di traino per quello che riguarda studio, sapere e arte.

Un vero e proprio tempio della cultura, interpretata in senso moderno da Civic Architects, Braaksma & Roos Architectenbureau e l’Inside Outside / Petra Blaisse.
Lo studio Mecanoo architecten invece si è occupato degli interni.
È proprio la sua missione sociale che è valsa all’edificio il primo premio dell’ambito WAF.

Scarica la guida - Illuminazione 2019

La giuria giustifica, infatti, così la loro scelta:

“Questo progetto ha trasformato un edificio significativo per la storia della comunità di cui, però, era stata pianificata la demolizione.
Il risultato è una struttura in cui una grande varietà di persone può incontrarsi per una serie molteplice di scopi.

l’edificio è diventato un vero e proprio condensatore sociale.

Inoltre Celebra e sfrutta tradizioni locali di manifattura tessile e ha una strategia ambientale volta a riscaldare e raffreddare le persone, non l’edificio.

Offre spazi su livelli diversi per essere utilizzati da un grande pubblico oppure per eventi più raccolti”.

La biblioteca di Tilburg è di una bellezza incredibile da molti punti di vista

Le pareti sono alte più di diciotto metri.
Qui le locomotive venivano riparate e, come vedete dalle immagini, gli oggetti che ricordano lo scopo originario dello stabile fanno sfoggio di sé accanto a elementi di design e di colore.

lochal olanda
Da Turismoitalianews.it una vista di local che mette in risalto l’altezza delle pareti e le scelte cromatiche in contrasto con lo stile industriale dell’edificio.

lochal
Come si può evincere da questa foto tratta dalla pagina Facebook di LocHal, sono molti i dettagli che ricordano le sue origini “ferroviarie”.

Gli spazi, man mano che si circoscrivono in ambienti più piccoli, diventano più accesi e la fantasia dei designer più evidente.

biblioteca vincitrice waf 2019
Da turismoitalianews.it la sala presentazioni: riducendo gli spazi degli ambienti, fioriscono i colori all’interno di LocHal.

biblioteca tilburg
Sempre da turismoitalianews.it un chiaro esempio di come un mezzo di trasporto utilizzato negli anni trenta diventi perfetto per sostenere un tavolo di legno massello.

Insomma, un gigante industriale, che sa di storia locale, diventa hub per socializzare accanto a libri, mostre d’arte e spettacoli. E vince pure il premio più ambito da tutti gli architetti del mondo.

Chi riesce ancora ad affermare che la cultura è noiosa? 😉

Avatar
Lara Badioli
Appassionata di arte (con laurea annessa), espressione e design. Mamma di due bambini, innamorata di tutto ciò che è bianco, gatto compreso. Scrivere per me è una necessità: si sa quando comincio, ma mai quando finisco.

Toiletpaper by Seletti

Protagonista indiscusso è Seletti con la sua linea Toilet-paper nata dalla collaborazione con Maurizio Cattelan e Pierpaolo Ferrari, presentata in esclusiva al...

Ragazzi fatevi avanti!!

La scorsa settimana ho dedicato ampio spazio alle ragazze, facendovi vedere alcune delle bellissime camerette ideate da Casa Copenhagen. Oggi ci concentriamo...