Rimaniamo anche questa settimana nella splendida città di Firenze – a cui noi di FillYourHomeWithLove siamo molto legati – per “I AM YOU”.

Parliamo infatti della XIV edizione della Biennale di Firenze – Esposizione Internazionale di Arte Contemporanea e Design.

"I AM YOU" si conclude questa domenica 22 ottobre 2023.
“I AM YOU” si conclude questa domenica 22 ottobre 2023.

“I AM YOU” si conclude questa domenica 22 ottobre 2023.

Inaugurata lo scorso 14 ottobre, l’esposizione si tiene al Padiglione Spadolini e al Padiglione Cavaniglia di Fortezza da Basso, a Firenze.

L’evento si svolge con il patrocinio di istituzioni pubbliche nazionali ed internazionali ed è sostenuto da numerosi sponsor e partner.

Le giornate della Florence Biennale sono caratterizzate da un ricco programma di eventi, performance, workshop, talk e la presenza di ospiti d’onore.

L’evento riunisce ancora una volta artisti e designer provenienti da tutto il mondo, che potranno dialogare con il tema scelto per questa edizione:

L’esposizione "I AM YOU" si tiene al Padiglione Spadolini e al Padiglione Cavaniglia di Fortezza da Basso, a Firenze.
L’esposizione “I AM YOU” si tiene al Padiglione Spadolini e al Padiglione Cavaniglia di Fortezza da Basso, a Firenze.

“I AM YOU – Identità individuali e collettive nell’arte e nel design contemporaneo”.

Inoltre, dopo il successo dell’edizione dello scorso anno, si rinnova anche quest’anno il Concorso Internazionale Open Call organizzato insieme ad Art Market Magazine e Lens Magazine con l’obiettivo di individuare le immagini utilizzate per la comunicazione integrata della XIV Florence Biennale.

Tutte le opere in mostra concorrono all’assegnazione:

  • del Premio Internazionale d’Arte “Lorenzo il Magnifico” nelle categorie Arte Ceramica, Disegno, Calligrafia e Incisione, Arte Installativa, Arte Orafa, Mixed Media, New Media Art, Pittura, Performance Arte, Fotografia, Scultura, Textile & Fiber Art, Video Arte
  • e il Premio Internazionale di Design “Leonardo da Vinci” nelle categorie Architettura e Design Urbano, Design Industriale e del Prodotto, Design della Moda e del Gioiello, Design di Interni, Comunicazione e Graphic Design, Tecnologia e Game Design.

La Giuria Internazionale valuta i lavori di artisti e designer durante i giorni della mostra e conferisce i premi durante la Cerimonia di Premiazione (domenica 22 ottobre 2023).

I vincitori del premio alla carriera della XIV Florence Biennale 2023 sono il fotografo e regista americano di fama mondiale David LaChapelle e l’architetto, artista e ingegnere spagnolo Santiago Calatrava, che saranno presenti all’evento per ricevere il premio, tenere un discorso ed esporre le loro opere.

L'esposizione raccoglie tanti pezzi di Arte contemporanea e Design
L’esposizione raccoglie tanti pezzi di Arte contemporanea e Design

Identità individuali e collettive.

È su questi due concetti che si incentra il tema della XIV Florence Biennale.

Entrambi intesi ovviamente nelle loro molteplici accezioni filosofiche, psicologiche, sociologiche e culturali.

Da una parte, il concetto di identità può essere associato alle caratteristiche che ci distinguono dagli altri come individui unici e irripetibili – pensiamo ai nostri dati anagrafici e al nostro patrimonio genetico.

Dall’altra, l’identità si lega al bisogno di appartenenza a uno o più gruppi – o comunità – che contribuisce a definire il modo in cui siamo percepiti da noi stessi e dagli altri.

L’identità individuale e quella collettiva, d’altronde, possono essere considerate come due prospettive continuamente intrecciate, che solo nel loro insieme ci permettono di capire chi siamo o chi vogliamo essere.

Il tema della XIV Florence Biennale abbraccia dunque una prospettiva integrata, considerando la sfera personale e quella sociale come due facce della stessa medaglia: una medaglia forgiata a partire da un sentimento che ci spinge, nella ricerca del nostro “Io”, a confrontarci con gli altri, attraverso l’interazione, lo scambio, la condivisione e l’empatia.

Un dialogo unico per identità uniche
Un dialogo unico per identità uniche

Si intende porre l’accento sul mutamento interiore che ci accompagna.

Esperienza dopo esperienza, lungo tutto il corso della nostra vita, questo mutamento interiore rimane strumento di identificazione.

D’altra parte, volgendo lo sguardo verso le culture orientali, si può notare come diverse discipline filosofiche distinguano la personalità e l’essenza dell’essere umano: l’insieme di tutto ciò “che l’Occidente è solito identificare con l’io individuale, costituirebbe, secondo molti esponenti di dottrine orientali, solo uno stato dell’essere, una sua manifestazione contingente e transitoria”.

Parallelamente, in alcune società africane, “la nozione di persona sembra avere un carattere composito, frammentato in una molteplicità di elementi, difficilmente riconducibili a una sintesi”.

Allo stesso modo, nel romanzo “Uno, nessuno e centomila” del Premio Nobel italiano Luigi Pirandello, il protagonista dapprima inconsapevole e prigioniero delle opinioni altrui, affronta un viaggio interiore verso la consapevolezza, liberandosi dalle maschere imposte dalla società e dall’illusione dell’unità dell’Io, fino alla fusione totalizzante con la Natura.

Jacopo Celona, DG di Florence Biennale
Jacopo Celona, DG di Florence Biennale

“I Am You” vuole evocare un sentire comune.

Vuole sottolineare l’importanza di mettersi nei panni degli altri, sia pure nelle differenze che ci contraddistinguono, per unire le persone invece di dividerle.

Sulla base di questi spunti di riflessione, gli artisti e i designer partecipanti alla XIV Florence Biennale sono invitati a proporre la propria interpretazione dei concetti di identità individuale e collettiva.

Il fine è nutrire un dialogo basato sul riconoscimento reciproco, sulla mutua comprensione e sullo scambio culturale.

Identità personali e collettive, identità culturali, religiose e territoriali, identità di genere, identità multiple, identità fluide: nessuna prospettiva o possibilità è esclusa nel labirinto dei processi di identificazione e in definitiva di autoconsapevolezza su cui si intende far luce grazie ai numerosi contributi artistici che daranno vita alla XIV Florence Biennale.