Enzo Mari: donazione dei suoi archivi al Casva

Questo articolo è stato aggiornato il

Scrivendo di arte e design, ho sempre pensato di dedicare un articolo al grande Enzo Mari, che sicuramente conoscete.

Mi si presenta ora l’occasione su un piatto d’argento: il grandissimo artista e designer (classe 1932) dona al comune di Milano i suoi archivi.

La delibera di accettazione è bella fresca: risale a pochi giorni fa, il 7 febbraio, e tutto il lavoro di progettazione che l’ha visto protagonista dal 1952 al 2015 è ora di proprietà del comune.

Presto farà parte anch’esso del tesoro del Casva (Centro Alti Studi delle Arti Visive), aggiungendosi ai tanti lasciti di architetti e designer importanti già custoditi e classificati presso questo ente milanese relativamente giovane (1999).

Per capire l’importanza di questo lascito, è utile inquadrare l’importanza di questa figura della creatività italiana.

Chi è Enzo Mari e perché è così importante la sua donazione

Nel caso di Enzo Mari, non saprei proprio affermare se sia più artista o più designer.

Nei libri di storia dell’arte è riconosciuto come esponente della corrente di arte programmata e cinetica degli anni ’50, insieme a Bruno Munari (gruppo Zero).

Nel 1965 organizza una mostra durante la biennale di Zagabria che è un po’ il manifesto del suo concetto di arte e del gruppo artistico da lui coordinato: Gruppo Italiano Nuova Tendenza.

La sua arte è l’espressione di un equilibrio tra forme e colori con l’intento di estrapolare dalla realtà ciò che insegue anche nelle ricerche grafiche e di disegno industriale: l’essenziale.

Particolarmente famosa è la sua elaborazione serigrafica per Danese, dove è palese il processo di astrazione in “relazione al rapporto tra colori e volumi” (Cit. Danesemilano.com).

enzo mari donazione
Su danesemilano.com la famosa serigrafia a otto colori su carta dropjet paper che rappresenta il processo di astrazione attraverso forme in serie e colori.

Parallelamente alla sua attività d’artista, Enzo Mari progetta oggetti di uso comune e elabora manifesti.

Vince il Compasso D’Oro ben cinque volte, e chi è del settore sa bene cosa significhi.

Quello che mi piace di Enzo Mari, però, è il suo approccio un tantino “aspro” al mondo della progettazione.

Il suo è un pensiero creativo molto reale, molto pragmatico.

Egli, nelle interviste ma anche nei suoi libri, spesso afferma che non è la bellezza o il virtuosismo emozionale che cerca di imprimere ai suoi elaborati.

Scrive in un’intervista su Repubblica del 2015:

“Tutti dovrebbero progettare per evitare di essere progettati. La creazione è un atto di guerra, non un armistizio con la realtà”

Le sue creazioni, infatti, hanno un forte tratto essenziale e pratico: scorrendo le immagini di  alcune opere per le quali ha ricevuto gli importanti riconoscimenti da designer, ci si rende conto della sua peculiarità più forte: la ricerca dell’utilità.

“Un oggetto non deve piacere a tutti; deve servire a tutti. Indipendentemente da quello che ciascuno pensa. Dalla fede che ha. Dall’ideologia che persegue. Naturalmente è un’idea limite. Ma l’ho sempre considerata un mio precetto”.

donazione enzo mari
Tonietta – Sedia per Zanotta – Immagine da designindex.it – Compasso d’Oro 1987

sedie enzo mari 1024x1024
Compasso d’Oro 1976 – Sedia Delfina di Triade – Immagine da dimanoinmano.it

enzo mari tavolo driade 1024x928
Tavolo legato per Driade – Compasso d’Oro 2011

L’archivio di Enzo Mari: la donazione di più di 1500 progetti

Si tratta di un tesoro per la storia del design italiano.

Questa è documentazione preziosa (stimata circa mezzo milione di Euro) dell’evoluzione del pensiero minimalista e funzionalista applicato agli oggetti di uso comune.

Insomma, provo sollievo e soddisfazione nel sapere che un così grande valore è stato donato affinché venga studiato, conservato e catalogato a dovere. Ma soprattutto, che sia al servizio della conoscenza e della cultura di tutti.

Non credete?

Avatar
Lara Badioli
Appassionata di arte (con laurea annessa), espressione e design. Mamma di due bambini, innamorata di tutto ciò che è bianco, gatto compreso. Scrivere per me è una necessità: si sa quando comincio, ma mai quando finisco.

FillYourHomeWithLove TV

Un tocco industrial di Alberto Colbertardo nella splendida Ca’ Spineda

Come anticipato nell'articolo di qualche giorno fa, la ristrutturazione della splendida dimora Ca' Spineda ha coinvolto numerosi professionisti sia nella fase costruttiva...

Rivestimenti ecologici: quando, come e perchè

La bellezza e la salubrità dei rivestimenti ecologici. Cari amici, bentornati sul mio blog! Oggi parliamo di superfici continue e quanto siano duttili e plastiche,...